Qui si traduce il nuovo Cinema, i Libri, la loro Musica. Cosa sono i libri se non pellicole di carta?
Cos'è la musica se non immagini che ci fanno vibrare?

Translate this blog. Don't get lost.

domenica 25 luglio 2010

Una fulgida stella... che non brilla.


BRIGHT STAR
di Jane Campion


E’ davvero un peccato dover trovare difetti a un film su cui si è avuta parecchia aspettativa e, peraltro, formalmente “bello”. La veste è di quelle più promettenti: l’ha confezionata Jane Campion, la creatrice di due capolavori come “Lezioni di piano” e “Ritratto di signora”, film assolutamente dissimili tra loro, appartenenti però al medesimo universo. Questo ultimo, “Bright Star”, non se ne discosta: un immaginario ultra-romantico e ultra-scenografico, e una donna ad abitarlo. Fanny Brawne (bene interpretata da Abbie Cornish, per molti la nuova Nicole Kidman) è la ragazza protagonista: fanciulla fortemente realista, che cuce da sé i propri abiti e che nulla conosce della poesia. Si innamora disperatamente (e viene ricambiata, alla stessa maniera disperata) nientemeno che del poverissimo e cagionevole John Keats, poeta, sognatore per definizione e per mestiere, nel periodo di tempo che precede il suo trasferimento a Roma, e quindi la sua dipartita.


L’accuratezza, il senso estetico, la recitazione calibrata, la fotografia (splendida), i costumi, un supporto tecnico e artistico pur così solido non sopperisce alla mancanza, nel mogio finale come in tutto il dipanarsi del racconto, di un vero slancio poetico, di quelli edificanti e tragici e conturbanti allo stesso tempo, con i quali la grande regista neozelandese ci aveva più volte lasciato a bocca aperta. Spesso è questione di magia, di grazia, di ispirazione, che Jane forse non è riuscita ad attingere dal suo ermetico protagonista.

Resta un film ben girato e ben recitato, ad ogni modo. Buona visione.


Voto 6,5/10


1 commento:

  1. secondo la mia opinione, è impossibile raccontare un sentimento così devastante, come quello che fanny e john hanno condiviso, attraverso un film. Proprio non vedo come ci si possa riuscire, nemmeno se la persona si chiama jane campion. Quella passione e compassione e comunione e tenerezza e rabbia e rinuncia e bisogno e indissolubilità smisurati possono solo trasmettercela le lettere che si sono scambiati e le poesie che sono rimaste patrimonio del mondo. Nient'altro. Voglio precisare che la mia non è una critica alla pellicola, quanto piuttosto una giustificazione al mancato raggiungimento della sperata perfezione, perché gli unici imperfettamente perfetti erano loro due. Solo loro due. Immensi.

    RispondiElimina